fbpx

Formazione delle figure della sicurezza sul lavoro

Sistema di protezione e prevenzione: Corsi per la sicurezza sul lavoro

Secondo quanto previsto dalla legge italiana in merito alla sicurezza sui luoghi di lavoro, ogni soggetto del Sistema di Protezione e Prevenzione è tenuto a seguire i corsi dedicati alla materia.
Come espresso dal D.Lgs. 81/08 le figure che operano nel campo della sicurezza dei lavoratori sono tenute a ottenere una conoscenza in questo ambito.
La presenza da parte dei lavoratori, in aula o online, è obbligatoria per tutte le posizioni e da considerarsi come “orario lavorativo”, pertanto è soggetta a normale retribuzione.

Cosa prevedono i corsi di sicurezza nei luoghi di lavoro

I corsi sulla sicurezza permettono ai lavoratori di apprendere i concetti di rischio, danno, prevenzione. Inoltre impartiscono conoscenze sulla legislazione e gli organi di vigilanza in materia di sicurezza e salute sul luogo di lavoro. Il fine di questi corsi è di incentivare i comportamenti corretti da adottare per tutelare la propria sicurezza e salute e quella dei propri colleghi.
A seconda della tipologia di azienda e del rischio ad esso connessa sono previsti differenti corsi, che variano per durata e specifiche trattate.
I corsi per lavoratori a rischio basso sono indirizzati a categorie come ambulanti, ristoratori, artigiani, agenti turistici o commercianti.
Quelli a rischio medio interessano solitamente agricoltori, allevatori, trasportatori e pubblica amministrazione.
I corsi sulla sicurezza ad alto rischio riguardano i settori dell’edilizia, della chimica e del trattamento di sostanze e materiali pericolosi.
Per individuare il livello di rischio aziendale è bene affidarsi a professionisti qualificati. Non sempre, infatti, è sufficiente la corrispondenza tra codice ATECO e le classificazioni riportate dall’Accordo Stato-Regioni: ci sono imprese considerate a rischio basso, ma al cui interno sono previste mansioni considerate come altamente rischiose.
Per ogni corso è previsto un aggiornamento periodico, triennale o quinquennale, necessario per mantenere le competenze acquisite ed evitare di incorrere in sanzioni amministrative o penali.

Chi deve seguire i corsi sulla sicurezza nei luoghi di lavoro?

I corsi per la sicurezza nei luoghi di lavoro sono il primo e fondamentale tassello per garantire un ambiente lavorativo sicuro e salubre.
Garantiscono che chiunque svolga un’attività in azienda sia consapevole dei rischi e pericoli a cui è esposto, in modo da ridurre infortuni e malattie professionali.
Tutti i lavoratori e i loro rappresentanti sono tenuti ad essere formati in materia di sicurezza sul luogo di lavoro ed è compito del datore di lavoro organizzarli e sostenerne i costi.
Ogni lavoratore, a prescindere dal tipo di azienda, dovrà partecipare ad una formazione generale di 4 ore, che ha l’obiettivo di formare i lavoratori in merito ai concetti generali di prevenzione e sicurezza sul lavoro. Verrà poi aggiunto un modulo più specifico la cui durata varia a seconda del settore di appartenenza.

Sicurezza sul luogo di lavoro: Corso di formazione per i lavoratori 

Il corso di formazione per i lavoratori in materia di sicurezza sul luogo di lavoro, come già detto è obbligatorio per chiunque svolga una mansione all’interno dell’azienda. Si articola in due moduli: uno generale di 4 ore, a cui ne segue uno specifico che varia a seconda del rischio connesso all’azienda.

• 4 ore per le aziende a basso rischio
• 8 ore per le aziende a medio rischio
• 12 ore per le aziende ad alto rischio

Per quanto riguarda i corsi di aggiornamento (relativi solo alla parte specifica in quanto la parte generale costituisce credito formativo permanente, ossia non ha necessità di essere aggiornato) è previsto un corso unico, che non varia a seconda delle categorie di rischio, ha una durata di 6 ore e una cadenza quinquennale.

Gli argomenti trattati dai corsi di formazione sulla sicurezza aziendale prevedono una formazione generale nel primo modulo. I lavoratori vengono messi a conoscenza del contesto normativo del D.Lgs. 81/08, come è organizzato il SPP e gli organi di vigilanza, controllo e assistenza.
Nel secondo modulo invece è garantita una formazione specifica in base al lavoro svolto. Vengono trattati argomenti come:

• Ambienti di lavoro
• Rischi infortunistici
• Elettrici generali
• Macchine e attrezzature
• Cadute dall’alto
• Rischi da esplosione
• Rischi chimici ed Etichettatura
• Rischi cancerogeni
• Rischi biologici
• Rischi fisici
• Movimentazione manuale carichi
• Videoterminali
• Utilizzo DPI
• Stress lavoro-correlato
• Organizzazione del lavoro

Corsi sulla sicurezza aziendale: RSPP e datore di lavoro 

Il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione, comunemente abbreviato con la sigla RSPP, è colui sul quale ricade il compito di gestire la sicurezza sul lavoro interfacciandosi con altri soggetti come il Datore di lavoro, il Medico Competente o il RLS.
In determinate circostanza lavorative il ruolo di RSPP può essere assunto anche dal DL stesso.
In quest’ultimo caso, ossia se è il Datore di Lavoro che decide di assumersi direttamente l’incarico di RSPP, il corso di formazione ha durata variabile a seconda del rischio connesso all’impresa:

• Per le aziende a Basso rischio 16 ore
• Per le aziende a Medio rischio 32 ore
• Per le aziende ad altro rischio 48 ore

Ognuno di essi si divide in 4 moduli, in ognuno dei quali verranno trattati argomenti necessari alla funzione di RSPP.

• Modulo 1: Normativo e Giuridico
• Modulo 2: Gestionale – gestione ed organizzazione della sicurezza
• Modulo 3: Tecnico – individuazione e valutazione dei rischi
• Modulo 4: Relazionale – formazione e consultazione dei lavoratori

Al termine di questi moduli verrà consegnato il certificato a chi avrà seguito con una frequenza almeno del 90% del corso e a seguito dell’esito del test di apprendimento.

Ogni RSPP dovrà poi partecipare ai corsi di aggiornamento, che hanno cadenza quinquennale e hanno diversa durata a seconda del rischio connesso all’impresa.

• Per le aziende a Basso rischio 6 ore
• Per le aziende a Medio rischio 10 ore
• Per le aziende ad Alto rischio 14 ore

Corso RLS: Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza

Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza è una delle figure previste dal D.Lgs. 81/08 e facente parte del SPP. È eletto dai lavoratori nelle aziende con meno di 15 dipendenti, oppure dalle rappresentanze sindacali (se presenti) nelle aziende con più di 15 lavoratori, ed ha la funzione di rappresentare i lavoratori nelle convocazioni in materia di sicurezza.
Per accedere a questa figura è necessario completare il corso dedicato con una presenza del 90% e superare il test di apprendimento.
Il corso RLS ha la durata di 32 ore, senza differenze tra imprese ad alto, medio o basso rischio. Può variare ed aumentare il numero delle ore se previsto dallo specifico contratto collettivo nazionale di riferimento. Gli argomenti trattati durante le lezioni sono:

• Legislazione in materia di Igiene e Sicurezza del Lavoro
• Normative di recepimento a livello nazionale delle Direttive Europee
• D.Lgs. 81/08: gli aspetti innovativi introdotti e la normativa previgente di prevenzione
• I soggetti coinvolti nel sistema aziendale di prevenzione
• Diritti e doveri dei lavoratori
• La valutazione dei rischi
• Rischio incendio e gestione dell’emergenza
• Gli addetti alla gestione delle emergenze e la loro formazione
• Piano di evacuazione antincendio, strutture antincendio, mezzi di estinzione, organi competenti
• Piano di emergenza antincendio
• Obblighi del datore di lavoro
• Il medico competente e la sorveglianza sanitaria
• Casi in cui è obbligatoria la sorveglianza sanitaria, visite mediche periodiche
• Primo soccorso
• Rapporti con gli organi di vigilanza, la visita ispettiva, la sanzione, la prescrizione, proroghe, adempimenti, estinzione del reato, il sequestro
• Intervento delle ASL nei luoghi di lavoro: comunicazioni e notifiche, autorizzazioni e deroghe
• Infortuni sul lavoro: andamento e costi

I RLS sono tenuti a seguire corsi di aggiornamento con cadenza quinquennale o annuale, a seconda dei dipendenti: se l’azienda ha fino a 15 dipendenti allora la cadenza è quinquennale con durata di 4 ore, se invece l’azienda ha più di 15 dipendenti la cadenza è annuale e possono avere durata di 4 ore (fino a 50 dipendenti) o di 8 ore (più di 50 dipendenti).

Sicurezza sul lavoro: Corso Addetto antincendio

Il datore di lavoro ha l’obbligo di incaricare tra i lavoratori gli addetti alla squadra di emergenza antincendio ed evacuazione e di provvedere alla loro formazione.
Tutti coloro che sono designati a questa mansione sono tenuti a seguire il corso Antincendio.
La durata varia a seconda del rischio connesso all’azienda:

• 4 ore per le imprese a Basso rischio
• 8 ore per le imprese a Medio rischio
• 16 ore per le imprese ad Alto rischio

I corsi per gli addetti antincendio prevedono:

• Modulo 1: L’incendio e la prevenzione incendi
• Modulo 2: La protezione antincendio e le procedure da adottare in caso di incendio
• Modulo 3: Esercitazioni pratiche

Il terzo modulo è differente a seconda del rischio connesso all’azienda:

• Basso rischio: almeno la visione dei presidi antincendio presenti (di solito solo gli estintori)
• Medio rischio: utilizzo degli estintori e delle attrezzature presso il campo prove o presso l’azienda stessa, se ne possiede uno
• Alto rischio: Presa visione e chiarimenti sulle principali attrezzature ed impianti di spegnimento, presa visione delle attrezzature di protezione individuale (maschere, autorespiratore, tute, etc.) e esercitazioni sull’uso delle attrezzature di spegnimento e di protezione individuale

Per le aziende ad alto rischio inoltre è previsto un quarto modulo che riguarda le “procedure da adottare in caso d’incendio”.

I corsi di aggiornamento sono da frequentarsi con cadenza consigliata di 3 anni.

• 2 ore per le aziende a Basso rischio
• 5 ore per le aziende a Medio rischio
• 8 ore per le aziende ad Alto rischio

Corso di primo soccorso aziendale

Il datore di lavoro ha l’obbligo di designare tra i lavoratori gli addetti alla squadra di Primo Soccorso e di provvedere alla loro formazione. Essi sono una figura obbligatoria all’interno dell’azienda.
La formazione deve garantirgli gli strumenti per poter gestire situazioni di emergenza nel caso in cui se ne verificassero.

La durata dei corsi di formazione varia a seconda della classificazione dell’impresa, che può essere A,B o C.

• Per le imprese appartenenti al gruppo A la durata è di 6 ore
• Per le imprese appartenenti ai gruppi B e C la durata è di 4 ore

Per tutte le categorie sopracitate il programma del corso di primo soccorso tratta le seguenti tematiche:

• Allertare il sistema di soccorso
• Riconoscere un’emergenza sanitaria
• Attuare gli interventi di primo soccorso
• Conoscere i rischi specifici dell’attività svolta
• Acquisire conoscenze generali sui traumi in ambiente di lavoro
• Acquisire conoscenze generali sulle patologie specifiche in ambiente di lavoro
• Acquisire capacità di intervento pratico

Il conseguimento di questo corso viene rilasciato dimostrando di aver frequentato con una presenza almeno del 90% e previa valutazione di apprendimento tramite un test.
Ad esso seguiranno corsi di aggiornamento con cadenza triennale:

• 6 ore per le aziende del gruppo A
• 4 ore per le aziende dei gruppi B e C.

 

Hai bisogno di informazioni più dettagliate riguardanti i corsi di formazione per le aziende? Visita la sezione formazione del sito di Grimani Consulenze per scoprire i costi e le modalità di iscrizione.

 

Articolo a cura di Renato M.G. Sarlo

 

Se questo articolo ti è stato utile e vuoi rimanere sempre informato sulle ultime novità in fatto si sicurezza sul lavoro, visita il sito di Grimani Consulenze. Vieni a scoprire i nostri servizi o contattaci per maggiori informazioni.

Se ti è piaciuto l’articolo ma anche se non ti è piaciuto, ti chiedo di darmi un feedback per avere un confronto o un “conforto”…


Autore: Giorgio Grimani
Aiuto le imprese ad evitare sanzioni dagli enti di controllo tecnici | QHSE | RSPP | DPO

Lascia un commento