fbpx

Rischi in gravidanza sul lavoro, tutela della sicurezza

Uno dei fattori da tenere in considerazione per tutelare la sicurezza nella propria azienda sono i rischi riguardanti le donne in gravidanza o in puerperio.

Durante questo periodo è opportuno che l’attività lavorativa sia regolata per garantire la salute sia della lavoratrice sia del bambino.

È un periodo delicato, che per questo è tutelato da un’apposita legge, definita “Testo unico a tutela della maternità e paternità”. In questo articolo vedremo cosa dice la normativa e da quali rischi devono tutelarsi le lavoratrici in gravidanza.

Se vuoi saperne di più, continua questa lettura. Per informazioni più specifiche invece, o per una consulenza su misura, visita il nostro sito. Un nostro esperto è pronto ad aiutarti per ogni questione sulla sicurezza nella tua azienda.

Cosa dice la normativa

La normativa che tutela le lavoratrici dai rischi in gravidanza è il D.lgs. 151/2001, meglio conosciuto come Testo Unico a Tutela della Maternità e Paternità. Nello specifico essa disciplina i congedi, i permessi e i riposi, oltre che tutelare la sicurezza delle lavoratrici in gravidanza e dopo il parto.

Per quanto riguarda il congedo è previsto che la lavoratrice non svolga l’attività lavorativa da 2 mesi prima della data presunta del parto a 3 mesi dopo la nascita. Anche se la tutela in realtà si estende fino a 7 mesi di età del bambino.

Il datore di lavoro è tenuto ad attuare le misure di protezione e prevenzione dal momento in cui la lavoratrice lo mette al corrente della gravidanza. Queste sono:

  • La valutazione del rischio
  • La proibizione di adibire la lavoratrice a lavori vietati
  • Il divieto di lavoro notturno
  • L’astensione anticipata del congedo di maternità. Nei casi in cui ci siano complicanze nella gestazione oppure quando le condizioni di lavoro siano a rischio e la lavoratrice non possa essere cambiata di mansione.

Rischi in gravidanza: Ecco i lavori vietati

Ma quali sono i lavori che sono vietati per quanto riguarda i rischi in gravidanza? Vediamoli insieme:

  • Lavori che comportano una posizione in piedi per più di metà dell’orario o che obbligano ad una posizione particolarmente affaticante o scomoda (es. commesse, addette alla ristorazione, ecc.)
  • Lavori su scale ed impalcature mobili e fisse, con pericolo di cadute
  • Movimentazione manuale di carichi, trasporto e sollevamento di pesi (es. lavori di magazzinaggio)
  • Lavori con macchina mossa a pedale quando il ritmo sia frequente ed esiga sforzo
  • Uso di macchine o strumenti che trasmettono intense vibrazioni
  • Lavori con obbligo di sorveglianza sanitaria (es. rumore, agenti chimici, ecc.)
  • Lavori a bordo i qualsiasi mezzo di comunicazione in moto (compresi aerei, treni, navi e pullman)
  • Lavori che espongono a temperature troppo basse (es. magazzini frigoriferi) o troppo alte (lavori ai forni, di stiratura, ecc.)
  • Lavoro notturno

Quando è vietato il lavoro notturno

Il lavoro notturno, ovvero quello svolto tra le 24 e le 6, è vietato per le lavoratrici gestanti. Per prevenire i rischi in gravidanza è previsto un divieto assoluto dall’accertamento dello stato di gravidanza fino ad un anno di età del bambino.

Inoltre non possono essere obbligati al lavoro notturno:

  • Lavoratrice madre di un figlio di età inferiore a tre anni o, in alternativa, il lavoratore padre convivente con la stessa
  • Lavoratrice o lavoratore che sia l’unico genitore affidatario di un figlio convivente di età inferiore a dodici anni
  • Lavoratrice o lavoratore che abbia a proprio carico un soggetto disabile ai sensi della legge n. 104/92 (tutela dell’handicap).

Tabelle di astensione dal lavoro per donne in gravidanza

Abbiamo riportato, per dovere di completezza, tutte le tabelle previste dal D.lgs. 151/01 per quanto riguarda l’astensione da lavoro relative ai rischi in gravidanza.

Posture e posizioni di lavoro assunte

Rischi presenti / Operazioni Svolte In Gravidanza Puerperio (fino a sette mesi dopo il parto)
Attività in postura eretta prolungata (se supera metà dell’orario lavorativo) Divieto Non c’è divieto
Attività in posizione seduta fissa Divieto a partire dalla fine del sesto mese di gestazione Non c’è divieto
Ripetuti piegamenti e rotazione del busto Divieto Non c’è divieto
Lavori su scale, impalcature e pedane Divieto Non c’è divieto

Rischi fisici

Rischi presenti / Operazioni Svolte In Gravidanza Puerperio (fino a sette mesi dopo il parto)
Esposizione a rumore Divieto se il livello di esposizione giornaliera al rumore (LEX) è ≥ di 80 Db Divieto se il livello di esposizione giornaliera al rumore (LEX) è≥di85Db
Lavoro a bordo di mezzi di trasporto (aereo, autobus, muletti…) Divieto Non c’è divieto
Lavoro con utilizzo di utensili comportanti vibrazioni o scuotimenti (Vibrazioni trasmesse al sistema mano- braccio) Divieto Divieto qualora il livello di esposizione sia uguale o maggiore al livello di azione.
Lavoro con utilizzo di attrezzature comportanti vibrazioni o scuotimenti (Vibrazioni trasmesse al corpo intero) Divieto Divieto qualora il livello di esposizione sia uguale o maggiore al livello di azione
Lavoro con macchina mossa a pedale Divieto Non c’è divieto
Mansione con esposizione a sollecitazione termiche estreme (ambienti severi caldi o severi freddi) e/o esposizione a sbalzi termici >10°C Divieto Divieto
Esposizione a discomfort termico   In relazione alla valutazione del rischio
Esposizione a radiazioni non Ionizzanti Divieto Divieto se l’esposizione è superiore ai livelli di azione stabiliti dalla normativa vigente all’ art. 208 D.lgs. 81/2008.
Radiazioni ottiche Divieto In relazione alla Valutazione
Esposizione a radiazioni Ionizzanti Divieto Divieto

Rischi chimico cancerogeni

Rischi presenti / Operazioni Svolte In Gravidanza Puerperio (fino a sette mesi dopo il parto)
Rischio chimico (Titolo IX D.lgs. 81/08) Divieto Divieto
Agenti cancerogeni e mutageni Divieto Divieto

Rischi biologici

Rischi presenti / Operazioni Svolte In Gravidanza Puerperio (fino a sette mesi dopo il parto)
Rischio biologico Divieto Divieto

Rischi ergonomici e correlati all’organizzazione lavorativa

Rischi presenti / Operazioni Svolte In Gravidanza Puerperio (fino a sette mesi dopo il parto)
Sovraccarico biomeccanico degli arti superiori Divieto se per l’entità del rischio è attivata la sorveglianza sanitaria Divieto se per l’entità del rischio è attivata la sorveglianza sanitaria
Movimentazione manuale dei carichi (trasporto, sollevamento, sostegno, deposizione, spinta, traino, e spostamento pesi) Divieto Divieto se per l’entità del rischio è attivata la sorveglianza sanitaria
Sforzi fisici – colpi –urti Divieto Non c’è divieto
Rischio reazioni improvvise e violente Divieto Divieto
Lavoro notturno Divieto Divieto. Fino al compimento di un anno di età del bambino
Stress lavoro correlato Divieto se il rischio è valutato superiore “a basso” Divieto se il rischio è valutato superiore “a basso”

 

Articolo a cura di Renato M.G. Sarlo

 

Per altre utili informazioni per la sicurezza nella tua azienda visita il nostro sito, noi di Grimani Consulenze abbiamo servizi dedicati ad ogni esigenza.

Sei già iscritto alla nostra Newsletter? Compila il form qui sotto per non perdere tutti i nostri aggiornamenti.

 



Autore: Giorgio Grimani
Aiuto le imprese ad evitare sanzioni dagli enti di controllo tecnici | QHSE | RSPP | DPO

Lascia un commento